La perdita dell’udito: sintomi, cause, quando vedere un medico

perdita dell'udito

La perdita dell’udito che si verifica gradualmente con l’età (presbiacusia) è comune. Quasi la metà delle persone negli Stati Uniti con più di 65 anni ha un certo grado di perdita dell’udito.

La perdita dell’udito è definita come uno dei tre tipi:

  • Conduttivo (coinvolge l’orecchio esterno o medio)
  • Sensorineurale (coinvolge l’orecchio interno)
  • Misto (combinazione dei due)

L’invecchiamento e l’esposizione cronica ai rumori forti contribuiscono entrambi alla perdita dell’udito. Altri fattori, come l’eccesso di cerume, possono ridurre temporaneamente il modo in cui le orecchie conducono i suoni.

Non è possibile invertire la maggior parte dei tipi di perdita uditiva. Tuttavia, lei e il suo medico o uno specialista dell’udito potete prendere provvedimenti per migliorare il suo udito.

Sintomi

I segni e i sintomi della perdita dell’udito possono includere:

  • Smorzamento del parlato e di altri suoni
  • Difficoltà a capire le parole, specialmente contro il rumore di fondo o in una folla
  • Problemi a sentire le consonanti
  • Chiedere frequentemente agli altri di parlare più lentamente, chiaramente e ad alta voce
  • Bisogno di alzare il volume della televisione o della radio
  • Ritiro dalle conversazioni
  • Evitare alcuni ambienti sociali
cause perdita dell'udito

Quando vedere un medico

Se ha una perdita improvvisa dell’udito, in particolare in un orecchio, cerchi immediatamente assistenza medica.

Parli con il suo medico se le difficoltà di udito interferiscono con la sua vita quotidiana. La perdita dell’udito legata all’età si verifica gradualmente, quindi potresti non notarla all’inizio.

Cause

Per capire come si verifica la perdita dell’udito, può essere utile capire prima come si sente.

Come si sente

L’orecchio è composto da tre aree principali: orecchio esterno, orecchio medio e orecchio interno. Le onde sonore passano attraverso l’orecchio esterno e causano vibrazioni al timpano. Il timpano e tre piccoli ossicini dell’orecchio medio amplificano le vibrazioni mentre viaggiano verso l’orecchio interno. Lì, le vibrazioni passano attraverso il fluido in una struttura a forma di lumaca nell’orecchio interno (coclea).

Attaccati alle cellule nervose nella coclea ci sono migliaia di piccoli capelli che aiutano a tradurre le vibrazioni del suono in segnali elettrici che vengono trasmessi al cervello. Il tuo cervello trasforma questi segnali in suono.

Come può verificarsi la perdita dell’udito

Le cause della perdita dell’udito includono:

  • Danni all’orecchio interno. L’invecchiamento e l’esposizione al rumore forte possono causare l’usura dei peli o delle cellule nervose nella coclea che inviano i segnali sonori al cervello. Quando questi capelli o cellule nervose sono danneggiati o mancanti, i segnali elettrici non vengono trasmessi in modo efficiente e si verifica la perdita dell’udito.

I toni più alti possono diventare ovattati per lei. Può diventare difficile per lei distinguere le parole dal rumore di fondo.

  • Graduale accumulo di cerume. Il cerume può bloccare il canale uditivo e impedire la conduzione delle onde sonore. La rimozione del cerume può aiutare a ripristinare l’udito.
  • Infezione dell’orecchio e crescite ossee anormali o tumori. Nell’orecchio esterno o medio, ognuno di questi può causare la perdita dell’udito.
  • Rottura del timpano (perforazione della membrana timpanica). Forti esplosioni di rumore, cambiamenti improvvisi di pressione, colpire il timpano con un oggetto e un’infezione possono causare la rottura del timpano e compromettere l’udito.

Mayo Clinic Minute: Cos’è la perdita dell’udito?

Vivien Williams: La perdita dell’udito è molto comune.

Matthew Carlson, M.D.: Ci sono molti tipi diversi di perdita dell’udito.

Vivien Williams: Il Dr. Matthew Carlson dice che la perdita temporanea dell’udito può verificarsi quando le orecchie sono tappate da cera o liquido dietro il timpano, per esempio. La perdita dell’udito legata ai nervi è di solito permanente.

Dr. Carlson: La chiamiamo perdita uditiva neurosensoriale. Ci sono migliaia di cause diverse di perdita uditiva neurosensoriale. La più comune è probabilmente l’aver superato i 50 anni…

Vivien Williams: …o avere una storia di esposizione a un forte rumore. Il Dr. Carlson dice che quasi tutti i tipi di perdita uditiva neurosensoriale hanno a che fare con la perdita della funzione delle cellule ciliate nell’orecchio interno.

Dr. Carlson: Le cellule ciliate, che sono la parte finale dell’orecchio interno che effettivamente prendono il suono meccanico e lo trasformano in suono elettrico…

Vivien Williams: …diventano meno numerosi o non funzionano bene. Gli apparecchi acustici aiutano ad aumentare il volume. Per le persone con perdita uditiva profonda, gli impianti cocleari funzionano bypassando le cellule ciliate e inviando segnali direttamente al nervo acustico e al cervello. Una volta che gli operatori sanitari capiscono il tuo tipo di perdita uditiva, possono personalizzare il trattamento che è meglio per te. Per il Mayo Clinic News Network, sono Vivien Williams.

Nota: Gli articoli all’interno di questo contenuto sono stati creati prima della pandemia di coronavirus 2019 (COVID-19) e non dimostrano i protocolli pandemici adeguati. Si prega di seguire tutte le linee guida raccomandate dai Centers for Disease Control and Prevention per il mascheramento e la distanza sociale.

Fattori di rischio

I fattori che possono danneggiare o portare alla perdita dei peli e delle cellule nervose dell’orecchio interno sono

  • Invecchiamento. La degenerazione delle strutture dell’orecchio interno si verifica nel tempo.
  • Rumore forte. L’esposizione a suoni forti può danneggiare le cellule dell’orecchio interno. I danni possono verificarsi con l’esposizione a lungo termine a rumori forti, o da una breve esplosione di rumore, come un colpo di pistola.
  • Ereditarietà. Il tuo corredo genetico può renderti più suscettibile ai danni all’orecchio dovuti al suono o al deterioramento dovuto all’invecchiamento.
  • Rumori professionali. I lavori in cui il rumore forte è una parte regolare dell’ambiente di lavoro, come l’agricoltura, la costruzione o il lavoro in fabbrica, possono portare a danni all’interno dell’orecchio.
  • Rumori ricreativi. L’esposizione a rumori esplosivi, come quelli delle armi da fuoco e dei motori a reazione, può causare una perdita immediata e permanente dell’udito. Altre attività ricreative con livelli di rumore pericolosamente alti includono motoslitta, motociclismo, falegnameria o ascolto di musica ad alto volume.
  • Alcuni farmaci. Farmaci come l’antibiotico gentamicina, il sildenafil (Viagra) e alcuni farmaci chemioterapici, possono danneggiare l’orecchio interno. Effetti temporanei sull’udito – ronzio nell’orecchio (tinnito) o perdita dell’udito – possono verificarsi se si prendono dosi molto elevate di aspirina, altri antidolorifici, farmaci antimalarici o diuretici dell’ansa.
  • Alcune malattie. Le malattie o i malanni che provocano febbre alta, come la meningite, possono danneggiare la coclea.

Confrontare l’intensità di suoni comuni

La tabella qui sotto elenca i suoni comuni e i loro livelli di decibel. Il livello di rumore sicuro della Environmental Protection Agency (EPA) è di 70 decibel. Più forte è il rumore, meno tempo ci vuole per causare danni permanenti all’udito.

Livelli sonori di rumori comuni
DecibelSorgente di rumore
Gamma sicura
30Whisper
40Frigorifero
60Conversazione normale
75Lavastoviglie
Gamma di rischio
85Traffico cittadino intenso, mensa scolastica
95Moto
100Motoslitta
110Sega a catena, martello pneumatico, concerto rock, sinfonia
115Sabbiatura
120Sirena dell’ambulanza, tuono
140-165Petardo, armi da fuoco

Durata massima dell’esposizione al suono

Di seguito sono riportati i livelli massimi di rumore sul lavoro a cui si può essere esposti senza protezione dell’udito, e per quanto tempo.

Massima esposizione al rumore del lavoro consentita dalla legge
Livello sonoro, decibelDurata, giornaliera
BASATO SULL’AMMINISTRAZIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LAVORO, 2008
908 ore
926 ore
954 ore
973 ore
1002 ore
1021,5 ore
1051 ora
11030 minuti
11515 minuti o meno

Farmaci che possono aiutarti:

Farmaci che possono aiutarti con il tuo problema. Puoi scoprire qualcosa di più su di loro qui:

Name prodotto:Relaton™️Calminax™️
Vedi:capsulecapsule
Valutazione:5⭐⭐⭐⭐⭐5⭐⭐⭐⭐⭐
Produttore:🇮🇹🇮🇹
Recensioni negative:NoNo

Che tu sia benedetto. Scegliere le medicine giuste e provate.

Complicazioni

La perdita dell’udito può avere un effetto significativo sulla qualità della vita. Gli anziani con perdita uditiva possono riportare sentimenti di depressione. Poiché la perdita uditiva può rendere difficile la conversazione, alcune persone provano sentimenti di isolamento. La perdita dell’udito è anche associata al deterioramento e al declino cognitivo.

Il meccanismo di interazione tra perdita dell’udito, deterioramento cognitivo, depressione e isolamento è attivamente studiato. La ricerca iniziale suggerisce che il trattamento della perdita uditiva può avere un effetto positivo sulle prestazioni cognitive, in particolare la memoria.

sintomi la perdita dell'udito

Prevenzione

I seguenti passi possono aiutarvi a prevenire la perdita dell’udito indotta dal rumore ed evitare il peggioramento della perdita dell’udito legata all’età:

  • Proteggere le orecchie. Limitare la durata e l’intensità dell’esposizione al rumore è la migliore protezione. Sul posto di lavoro, i tappi per le orecchie in plastica o i paraorecchie riempiti di glicerina possono aiutare a proteggere le orecchie dal rumore dannoso.
  • Faccia un test dell’udito. Prenda in considerazione test dell’udito regolari se lavora in un ambiente rumoroso. Se ha perso l’udito, può prendere provvedimenti per prevenire ulteriori perdite.
  • Evitare i rischi ricreativi. Attività come andare in motoslitta, cacciare, usare attrezzi elettrici o ascoltare concerti rock possono danneggiare l’udito nel tempo. Indossare protezioni per l’udito o fare delle pause dal rumore può proteggere le sue orecchie. Anche abbassare il volume della musica è utile.

Minuto della Mayo Clinic: Si può rallentare la perdita dell’udito legata all’età?

State aumentando il volume della TV o chiedendo agli altri di alzare la voce? Non sei solo, soprattutto se hai più di 50 anni.

“La perdita dell’udito legata all’età si chiama “presbiacusia”.

Più si invecchia, più le orecchie si usurano, dice la dottoressa Gayla Poling.

“È allora che cominciamo a notare la perdita dell’udito legata all’età”.

Il dottor Poling dice che la maggior parte della perdita dell’udito è prevenibile. I cacciatori, per esempio, sono a rischio di perdita dell’udito.

“Se si possono indossare protezioni per l’udito, specialmente progettate per la caccia, dove si può ridurre l’esposizione al rumore forte ma ancora sentire l’ambiente intorno a sé, questo può davvero prevenire danni a lungo termine”.

Il dottor Poling dice che un test dell’udito può aiutare a valutare se si è verificata una perdita dell’udito.

“Stiamo esaminando la soglia in cui si possono sentire i suoni più deboli, e di solito si preme un pulsante o si alzano le mani o si risponde in qualche modo quando si sentono questi suoni. E stiamo valutando l’intero sistema uditivo in questo processo – non solo con gli auricolari, ma facciamo anche altri test per valutare l’orecchio medio e l’orecchio interno”.

Quindi, prima di dover alzare il volume, considerate di abbassarlo. Per il Mayo Clinic News Network, sono Ian Roth.

Potrebbe piacerti anche

Informazioni sull'autore: Roberta Casali

La dottoressa Roberta Casali è membro dell'Ordine dei Medici della Provincia di Firenze. Si è laureata in medicina e chirurgia nel 1972 e si è abilitata a Firenze, specializzandosi in terapia fisica e riabilitazione a Firenze il 05/07/1984. Dal 2019 scrive recensioni e articoli sugli integratori naturali su centriformativi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.