Cos’è la lipoproteina? Come influisce sul sistema cardiaco

Cos'è la lipoproteina

La lipidologa Elisabeth Steinhagen-Thiessen esorta medici e pazienti ad essere più attenti ad eliminare i pericoli per il cuore e i vasi sanguigni. Il grasso del sangue Lp(a) in particolare è ancora troppo poco considerato come un fattore di rischio significativo.

Una persona giovane di quarant’anni con problemi vascolari e nessuna malattia precedente conosciuta “deve far suonare tutti i campanelli d’allarme”, avverte Elisabeth Steinhagen-Thiessen, professore senior all’ospedale Charité di Berlino. Troppo spesso, è solo una drammatica emergenza cardiaca o cerebrale che avverte le persone colpite e i loro medici di un disordine metabolico non scoperto.

Per quasi una vita di ricerca, il lipidologo Steinhagen-Thiessen è stato sulle tracce di un grasso insidioso del sangue che fa invecchiare prematuramente vasi e valvole cardiache: Lipoproteina(a), o Lp(a) in breve.

“Il suo effetto dannoso sui vasi è ormai dimostrato al di là di ogni dubbio, eppure la Lp(a) è ancora testata troppo raramente e ignorata come un fattore di rischio indipendente anche nei pazienti con infarto”.

Questo “nichilismo” infastidisce il capo di lunga data dell’ambulatorio del metabolismo lipidico alla Charité di Berlino ed è allo stesso tempo il suo incentivo.

Che co`se lipoproteina?

La molecola si forma nel fegato in quantità misurabili e viene rilasciata nel sangue. Si accumula negli strati centrali delle pareti dei vasi sanguigni come una placca dura, insieme al colesterolo LDL, la parte “cattiva” dei grassi del sangue. Nel corso degli anni, questo porta all’aterosclerosi, colloquialmente nota come indurimento delle arterie.

Le placche che crescono ostruiscono il flusso sanguigno e possono portare a gambe doloranti, così come mancanza di respiro e dolore al cuore durante lo sforzo. Se una placca indurita si rompe, un coagulo vi si forma e chiude completamente il vaso – spesso con gravi conseguenze.

1/3 di tutte le morti in Italia sono direttamente causate da malattie cardiovascolari

Una particolarità della Lp(a) ha fatto sì che finora i medici non si siano quasi mai interessati a questo fattore di rischio: la sua comparsa e la sua quantità nel sangue sono determinate geneticamente e difficilmente possono essere ridotte dai farmaci. Anche un cambiamento nello stile di vita con molto esercizio e una dieta sana non influenza il valore di Lp(a). “Non c’è niente che tu possa fare comunque! Questo è quello che pensano molti colleghi”, si rammarica Steinhagen-Thiessen.

Un altro fattore che contribuisce all’incertezza dei medici è che non tutti i pazienti con Lp(a) diventano necessariamente malati vascolari. “Stimiamo che circa un terzo abbia una variante di Lp(a) piuttosto innocua”, spiega Steinhagen-Thiessen. Il numero dei cosiddetti ghirigori che circondano la Lp(a) determina se è pericolosa.

Livelli elevati di lipoproteina: possibili conseguenze

Minore è il numero di kringle molecolari (a) avvolte intorno alla lipoproteina (Lp), più dannosa è la molecola totale, poiché si presenta in concentrazioni maggiori nel sangue. Una breve catena di riccioli sulla Lp(a) promuove i processi infiammatori nelle pareti dei vasi e accelera la coagulazione del sangue. Il risultato è una tendenza alla trombosi e all’embolia polmonare. Se una placca vascolare si rompe, la Lp(a) procoagulante viene rilasciata e aumenta il rischio di un attacco di cuore.

lipoproteina cause

Importante fattore di rischio

La molecola Lp(a) e il suo contributo al rischio di malattia:

La lipoproteina (a) aumenta indipendentemente il rischio di malattie del cuore e dei vasi sanguigni. Il numero dei cosiddetti riccioli intorno alla lipoproteina rotonda (simile al colesterolo LDL) determina la sua concentrazione nel sangue

Oleksiy Aksonov per FOCUS Health

Livelli elevati di lipoproteina(a): rischio familiare

Uno sguardo all’indietro nella storia familiare e ai fratelli permette di valutare la nocività della Lp(a): “Chiedo ai miei pazienti circa i primi attacchi di cuore o ictus nei parenti diretti”, riferisce Steinhagen-Thiessen. “La Lp(a) è ereditata in modo dominante e lascia sempre il segno nella linea paterna o materna”.

Chi dovrebbe fare il test?

Si consiglia un esame del sangue di Lp(a):

  • in tutti i pazienti con aterosclerosi
  • in pazienti con un disordine lipometabolico familiare (colesterolo LDL alto)
  • Se i membri della famiglia hanno malattie cardiache o vascolari precoci
  • Della famiglia hanno Lp(a) elevata
  • se l’aterosclerosi progredisce anche se i lipidi nel sangue sono sufficientemente abbassati
  • in persone con un alto rischio vascolare
  • per embolie polmonari, malattie cardiache valvolari, aneurismi aortici

Farmaci che possono aiutarti:

Farmaci che possono aiutarti con il tuo problema. Puoi scoprire qualcosa di più su di loro qui:

Name prodotto:Neocard™️Cardio Balance™️
Vedi:goccecapsule
Valutazione:5⭐⭐⭐⭐⭐5⭐⭐⭐⭐⭐
Produttore:🇮🇹🇮🇹
Recensioni negative:NoNo

Che tu sia benedetto.Scegliere le medicine giuste e provate.

Come vengono rilevati i livelli elevati di lipoproteina(a)

Un solo test è sufficiente per saperlo a vita. “È meglio che il medico di famiglia lo includa in un esame di routine dei lipidi nel sangue”, dice Steinhagen-Thiessen. Il rischio di malattia coronarica aumenta con la concentrazione di Lp(a). Non esiste un chiaro valore normale, ma si presume che il rischio aumenti a valori superiori a 30 mg/dl (75 nmol/l).

“Se la Lp(a) viene trovata in un paziente e c’è una storia familiare di attacchi cardiaci prematuri, dovrebbe seguire un attento esame. Le calcificazioni delle arterie carotidi, delle valvole cardiache e dei vasi delle gambe possono essere facilmente valutate con gli ultrasuoni. Anche lo spessore delle pareti dei vasi può essere misurato e documentato con precisione. Se è necessario un esame mininvasivo del catetere dei vasi coronarici può essere visto nel CEC durante un test da sforzo del cuore sul cicloergometro.

Abbassare la lipoproteina

“Se i primi danni vascolari sono già visibili, è consigliabile ridurre tutti i fattori di rischio trattabili – colesterolo, pressione sanguigna e zucchero nel sangue – con i farmaci per minimizzare l’aumento del rischio dovuto alla Lp(a)”, avverte il lipidologo. “È anche molto importante smettere di fumare.

Per i pazienti con aterosclerosi progressiva e livelli di Lp(a) molto alti, l’unico trattamento attualmente disponibile è il lavaggio del sangue.

Evitare le malattie cardiache

“Ora conosciamo tutti i trigger importanti, i fattori di rischio, e abbiamo gli strumenti per metterli sotto controllo”.

è convinta Steinhagen-Thiessen.

Il lipidologo spera ora che tutti contribuiscano a rendere meno frequenti le malattie vascolari: I medici dovrebbero controllare le malattie metaboliche come la pressione alta, il diabete e tutti i lipidi del sangue nei loro pazienti e, se necessario, ridurli costantemente al range target con i farmaci. I pazienti devono condurre uno stile di vita sano con un peso normale, evitare la nicotina e fare molto esercizio. Il controllo dei fattori di rischio riesce in una squadra.

Potrebbe piacerti anche

Informazioni sull'autore: Roberta Casali

La dottoressa Roberta Casali è membro dell'Ordine dei Medici della Provincia di Firenze. Si è laureata in medicina e chirurgia nel 1972 e si è abilitata a Firenze, specializzandosi in terapia fisica e riabilitazione a Firenze il 05/07/1984. Dal 2019 scrive recensioni e articoli sugli integratori naturali su centriformativi.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.