Diabete – che cos’è veramente?

diabete segni

Il diabete mellito è un termine collettivo per una serie di disturbi metabolici umani, la cui caratteristica principale è l’iperglicemia cronica (alti livelli di zucchero nel sangue). Tuttavia, non è sempre solo il metabolismo dei carboidrati ad essere disturbato nel diabete. Più volte è stato dimostrato che anche il metabolismo dei grassi e delle proteine è disturbato.

L’insulina, l’ormone metabolico vitale che controlla il metabolismo di carboidrati, grassi e proteine, gioca un ruolo decisivo nello sviluppo del diabete. Le cause risiedono quindi in vari disturbi nel rilascio di insulina dalle cosiddette cellule beta del pancreas, fino alla carenza assoluta di insulina.

Vari disturbi graduali dell’insulina in organi importanti come il cervello, il fegato, il muscolo e il tessuto adiposo possono anche essere fattori scatenanti.

Diabete tipo 2

Circa il 90% dei pazienti soffre di diabete di tipo 2. Caratteristica di questa forma è un ridotto effetto dell’insulina nelle cellule del corpo (insulino-resistenza), che è sempre accompagnato da una carenza di insulina. Il di tipo 2 è estremamente complesso e si manifesta con vari gradi di resistenza all’insulina e carenza di insulina.

Il di tipo 2 o i suoi precursori (elevata glicemia a digiuno e/o alterata tolleranza al glucosio) sono spesso associati ad altri problemi di sindrome metabolica. In più dell’80% dei casi, questo tipo è associato all’obesità. Il diabete di tipo 2 è la forma più comune di diabete.

Diabete tipo 1

Il di tipo 1 è una malattia autoimmune in cui le cellule che producono insulina nelle cosiddette isole di Langerhans nel pancreas vengono distrutte dal sistema di difesa dell’organismo. Il corpo non produce più insulina. Il risultato è una carenza assoluta di insulina, il che significa che il carburante contenuto nel cibo (ad esempio il glucosio) non può più raggiungere le cellule del corpo in quantità sufficiente ed essere metabolizzato.

Le persone con diabete di tipo 1 devono quindi iniettare insulina più volte al giorno per tutta la vita e regolare costantemente la dose di insulina per mantenere i livelli di zucchero nel sangue il più stabile e normale possibile. In questo modo, gravi malattie vascolari e nervose secondarie possono essere largamente prevenute o notevolmente ritardate.

Il diabete classico di tipo 1 si verifica principalmente nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti e colpisce tra lo 0,3 e lo 0,4 % della popolazione.

Diabete sintomi e conseguenze.

Sintomi del diabete

I sintomi classici, come la perdita di peso, la sete marcata e l’aumento della produzione di urina, si osservano soprattutto nei giovani con diabete di tipo 1 nascente.

Nelle persone anziane questi sintomi sono piuttosto atipici. Ha quindi senso controllare i livelli di glucosio a digiuno come parte dei controlli preventivi (ad esempio, i controlli presso il medico).

Sintomi dell’insorgenza del diabete di tipo 1:

  • Sete eccessiva
  • Minzione frequente
  • Stanchezza / esaurimento
  • Debolezza generale
  • Fame o perdita di appetito
  • Perdita di peso improvvisa
  • Ferite che guariscono male
  • Maggiore suscettibilità alle infezioni
  • “Visione offuscata”

Sintomi del diabete di tipo 2:

! I sintomi nelle persone con diabete di tipo 2 sono di solito molto più aspecifici o meno gravi che nelle persone con di tipo 1!

  • Stanchezza, scarso rendimento, mancanza di grinta
  • Stati d’animo depressivi
  • Disturbi della memoria e della concentrazione
  • Fame, polifagia (appetito patologicamente aumentato / assunzione di cibo patologicamente aumentata)
  • Generale incline alle infezioni (pelle, mucose, vie urinarie)
  • prurito

LADA e MODY

Tuttavia, esiste una forma speciale di malattie autoimmune in età adulta:

LADA (Late onset Auoimmunity Diabetes in the Adult). Non è raro (circa il 10%) che questa condizione venga erroneamente classificata come di tipo 2.

MODY è un tipo di diabete che di solito si manifesta prima dei 25 anni. I criteri classici sono:

  • Indice di massa corporea (BMI) inferiore a 25 kg/mq.
  • Mancanza di prove di tipo 1 nella famiglia
  • Diabete noto in parenti di primo grado da 3 generazioni

Il MODY è una malattia ereditaria autosomica dominante (forma monogenica di diabete) in cui si possono distinguere più di dieci diverse forme genetiche molecolari, che si manifestano clinicamente in modi molto diversi.

Disturbi e malattie secondarie del diabete

Il diabete mellito può portare a complicazioni acute e croniche nel corpo. La diagnosi di diabete dovrebbe quindi essere presa seriamente. Le complicazioni acute comprendono le infezioni (della pelle, delle mucose, delle vie respiratorie o urinarie), l’iperglicemia grave (ad esempio scatenata da un’infezione) fino al coma da zuccheri, e l’ipoglicemia, che è particolarmente pericolosa.

Le complicazioni croniche di solito si sviluppano inosservate per molti anni, soprattutto nelle persone con diabete che hanno un controllo metabolico inadeguato o non sono consapevoli della loro malattia. In primo piano ci sono complicazioni dei grandi (macroangiopatia) e piccoli (microangiopatia) vasi sanguigni e del sistema nervoso.

diabete complicazioni

Diabete gestazionale

Il diabete gestazionale è anche definito come alterato utilizzo del glucosio, in cui viene diagnosticato per la prima volta durante la gravidanza. Circa il 4% al 5% di tutte le donne incinte sono colpite dalla malattia – più spesso madri sopra i 30 anni, che sono in sovrappeso o che hanno già dato alla luce un bambino con un peso alla nascita di più di 4000 grammi.

Anche livelli di glucosio nel sangue leggermente elevati sono associati ad alti rischi per la madre e il bambino. Il diabete gestazionale spesso scompare dopo il parto, ma aumenta sempre il rischio di sviluppare di tipo 2 in seguito (soprattutto nelle donne che erano insulino-dipendenti durante la gravidanza).

Stress psicologico

Qualsiasi malattia cronica porta anche allo stress psicosociale. Studi nazionali e internazionali mostrano che le persone con diabete hanno 2-3 volte il rischio di disturbi psichiatrici (ansia, depressione) rispetto ai loro rispettivi controlli non diabetici.

La persona con diabete è in gran parte responsabile del proprio complesso trattamento, che è spesso associato a problemi allarmanti: pericoli come l’ipoglicemia, problemi di potenza, malattie degli occhi e altre possibili conseguenze di danni ai vasi sanguigni piccoli e grandi e al sistema nervoso pendono su di lei come la proverbiale spada di Damocle. Inoltre, spesso ci si sente “in balia” della malattia e delle sue esigenze terapeutiche, il che a sua volta porta a un grande stress psicologico. Sia per il malato stesso che per il suo ambiente sociale.

I segni di una reazione psicologica possono includere sia l’aumento che la diminuzione dell’appetito, l’aumento della fatica, i problemi con i partner, i disturbi del sonno, la letargia, la mancanza di concentrazione, la perdita di interesse nelle cose che prima davano piacere e i sentimenti di colpa e di inferiorità.

diabete nutrizione

Fattori di rischio per sviluppare il diabete di tipo 2

In particolare, le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 dovrebbero essere sottoposte a screening per ogni 2 anni. C’è un aumento del rischio di diabete in …

  • Persone con più di 45 anni di età
  • Uomini e donne con un BMI ≥27 kg/m2
  • Persone con pressione sanguigna alta ≥140/90 mm Hg
  • Persone con disturbi del metabolismo lipidico
  • Persone con malattie coronariche o con scarsa circolazione nel cervello
  • Persone con una storia familiare di diabete
  • Persone con una storia precedente di alti livelli di zucchero nel sangue
  • Donne che hanno avuto il diabete gestazionale (specialmente quelle trattate con insulina durante la gravidanza)
  • Donne che hanno partorito bambini che pesano più di 4000 grammi
  • Donne con sindrome dell’ovaio policistico (disturbo ormonale nelle giovani donne)
  • Fumatori

L’autotrattamento e l’autodiagnosi possono essere dannosi per la salute. Vai dal tuo medico e fai uno screening per il diabete. Il tuo medico ti darà anche una prima indicazione del tuo rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Potrebbe piacerti anche

Informazioni sull'autore: Laura Laforet

Ho conseguito la specializzazione in farmacologia medica nel 2013 presso la Scuola di Medicina dell' Università della Campania "L.Vanvitelli" ex SUN. Sono un medico e attualmente lavoro presso la Casa della Salute di Casalecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *