Ipertensione: cos’è, a che età si verifica e quando dovrei preoccuparmi?

L’ipertensione arteriosa (pressione alta) è diffusa in tutto il mondo. In Italia, in media il 33% degli uomini e il 31% delle donne ha la malattia (secondo la SIIA) e solo il 21% è trattato efficacemente.

Сhe cos è l ipertensione arteriosa?

Si considera che lei abbia questa condizione se un aumento della pressione sanguigna (uguale o superiore a 160/95 mmHg) è stato registrato dal suo medico in almeno 3 misurazioni di controllo.

Normalmente, la tua pressione sanguigna può fluttuare a seconda delle tue condizioni: può aumentare durante lo stress fisico o mentale e diminuire durante il sonno. Tuttavia, la pressione ritorna a valori normali tra 100/60 e 140/90.

Sintomi dell’ipertensione

Il sintomo principale dell’ipertensione è il mal di testa. Questo è causato dalla costrizione, dallo spasmo dei vasi sanguigni nel cervello. Anche i sintomi comuni della malattia sono i seguenti:

  • Tinnito.
  • “Mosche” volanti e ombre davanti agli occhi.
  • Debolezza generale.
  • Disturbi del sonno.
  • Vertigini.
  • Sensazione di pesantezza alla testa.
  • Forti palpitazioni.

Questi sintomi si verificano nella fase iniziale dell’ipertensione e sono di natura nevrotica. Nella fase più avanzata, l’insufficienza cardiaca può verificarsi a causa del costante sovraffaticamento del muscolo cardiaco dovuto all’alta pressione sanguigna.

A causa della progressione del processo della malattia, l’acuità visiva può diminuire, i vasi del cervello possono essere colpiti dall’alta pressione sanguigna, questo può portare in alcuni casi alla paralisi, alla diminuzione della sensibilità degli arti a causa di vasospasmo, emorragia o trombosi.

Cause dell’ipertensione

Se la causa della pressione alta non è identificata, si parla di ipertensione primaria (essenziale), o malattia ipertensiva. Nel suo sviluppo gioca un ruolo:

  • Predisposizione ereditaria.
  • Stress cronico.
  • La quantità di sale consumata.
  • Scarsa attività fisica, ecc.
  • Nelle donne, l’ipertensione può essere causata dal periodo di ristrutturazione del corpo durante la menopausa

La causa sottostante in ogni caso è difficile da determinare, poiché la maggior parte delle persone con diagnosi di ipertensione sono esposte a diversi fattori di rischio che contribuiscono alla pressione alta.

Fino al 5% dell’ipertensione arteriosa è secondaria (sintomatica), cioè causata da alcune cause. Le cause più comuni della pressione alta sono la patologia renale, la patologia endocrina o le anomalie dei grandi vasi.

L’esame dei pazienti ha lo scopo di escludere le cause secondarie dell’ipertensione arteriosa, poiché a volte queste cause possono essere eliminate o richiedono un trattamento specifico.

Inoltre, l’esame chiarisce i cambiamenti negli organi e nei sistemi causati dall’ipertensione arteriosa stessa. Una pressione sanguigna elevata porta a cambiamenti nel cuore, nei reni, nei vasi cerebrali e nei vasi del fondo. Tale esame dovrebbe essere eseguito regolarmente, almeno una volta all’anno.

Il livello di ipertensione arteriosa e il danno agli organi bersaglio determinano il rischio di complicazioni cardiovascolari. A seconda del livello di rischio, le opzioni di trattamento vanno dallo stile di vita, dalla dieta e dalla perdita di peso all’inizio immediato di una terapia farmacologica.

È importante monitorare la pressione sanguigna non solo nell’ufficio del medico, ma anche da soli. Puoi farlo prendendo i seguenti integratori: Normalife, Cardiol, Recardio o Cardiline.

Come posso misurare la mia pressione sanguigna?

La misura richiede:

  1. Hai bisogno di rilassarti.

    La pressione sanguigna deve essere misurata a riposo, dopo un periodo di riposo di 5 minuti, da seduti.

  2. Dovete mettere il dispositivo.

    Il bracciale del tonometro dovrebbe essere a livello del cuore, con il suo bordo inferiore 2 cm sopra il gomito.

  3. Tenere traccia dei cambiamenti.

    La sua pressione sanguigna dovrebbe essere misurata ogni giorno e registrata in un diario della salute.

Curare l’ipertensione

Un programma di controllo della pressione sanguigna consiste in cambiamenti dello stile di vita e in una terapia farmacologica. Si tratta di:

  • Attività fisica regolare fino a 30 minuti al giorno.
  • Mangiare una dieta ipocalorica e perdere peso (si può usare Idealis o Slim4vit).
  • Riduzione dell’assunzione di sale.
  • Limitare l’assunzione di alcol.
  • Diminuire il consumo di acidi grassi saturi e cibi ricchi di colesterolo.
  • Aumentare l’assunzione di frutta.
  • Smettere di fumare.

La terapia farmacologica viene somministrata immediatamente se il livello di pressione alta è elevato. La maggior parte dei pazienti ha bisogno di prendere 2 o più farmaci. Cardioactive può anche essere preso come misura preventiva.


Quali sono i motivi per cui si alza la pressione?

Ci sono diversi fattori che contribuiscono all’ipertensione: sovrappeso, vita sedentaria, fumo, età, stress, diabete, ereditarietà e colesterolo

Quando è da considerarsi alta la pressione?

Una persona è considerata ipertesa quando la pressione massima è superiore a 140 mmHg e minima – 90 mmHg.

Quali cibi mangiare con la pressione alta?

Si possono consumare: aglio, banane, pesce, sedano, zafferano, cavolfiore, zucca, fagiolini, uva, albicocche, ciliegie e prugne.

Potrebbe piacerti anche

Laura Laforet

Informazioni sull'autore: Laura Laforet

Ho conseguito la specializzazione in farmacologia medica nel 2013 presso la Scuola di Medicina dell' Università della Campania "L.Vanvitelli" ex SUN. Sono un medico e attualmente lavoro presso la Casa della Salute di Casalecchio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *